Archive for the ‘quasi chiuso per tristezza’ Category

SCHWA

30 gennaio 2011

Mah, di cosa preferite che vi parli?
Del film “Il discorso del re”, della mia nuova esperienza di insegnamento dell’italiano a stranieri analfabeti, della rabbia che covo e che da qualche parte dovrà esplodere, (sarò il prossimo protagonista, l’esse i, di Criminal Minds), dei giorni della merla, del fatto che l’inps dice che non pubblicizza la simulazione della pensione ai lavoratori parasubordinati perché teme sommovimenti sociali e che invece io ho saputo l’ammontare della mia pensione, (da qui Criminal Minds), del fatto che è ora che prenda il via un grandioso studio antropologico che utilizzi come laboratorio in fieri il popolo italiano e che spieghi cosa è successo al cervello di milioni di italiani negli ultimi venti anni, del perché il Presidente dell’Inps tema sommovimenti sociali e invece nessuno ha in mente di sommuovere alcunché a nord delle rive del Mediterraneo, per quanto ne avrebbe ben donde, del fenomeno del rotacismo, il mio, e della sua possibile correzione, del mio Master in divenire, (sto facendo un Master) (ho finito l’esame di fonetica, si vede?), dello schwa, /ə/.
Lo schwa sarebbe proprio giusto giusto. Viene dall’ebraico e potrebbe tradursi come: insignificante.
Nel senso del nulla.

 

QUOTIDIANO

21 gennaio 2011

Guidavo all’una e mezza del pomeriggio, sulla stradona verso nord. Andavo verso le colline, quattro ore di lezione da fare in una scuola. Una scuola che presta le sue aule al pomeriggio, vuotate dagli studenti del mattino. Formazione agli apprendisti, ragazzi appena appena adulti, appena assunti con contratto d’apprendistato, obbligati per legge a corsi inutili, mal gestiti, mal organizzati. Come tutto quello che in Italia potrebbe essere buono e ben fatto, e per convenienza e approssimazione e cialtronismo viene spruzzato qua e là di merda liquida.
Così, con un corso di venti ore di inglese, distribuito su cinque giornate, a botte di quattro ore al giorno, in una classe dove potresti trovare il laureato in lingue e lo straniero che mai ha studiato l’inglese, finisce che un terzo si annoia, un terzo non capisce, un terzo non c’ha voglia, uno vorrebbe fare meglio, e tutti vorrebbero essere altrove.
Allora, ero in macchina all'una e mezza, dopo aver dormito malissimo la notte, aver mangiato in fretta una pasta orrenda condita col sugo Mutti alle verdure grigliate, essere uscita col pomodoro aggrappato alle pareti dello stomaco, freddo e malamente scomposto in boli di cipolla industriale e melanzana dopata,  e correvo tra furgoni, concessionarie d’auto, divaniedivani, centriottici e ipermercati in mezzo a questa nebbiolina orrenda, grigia e umida e fredda, con la paura che a scuola non mi facessero trovare la televisione e il dvd, con cui dovevo fare la lezione e non sapere quindi che pesci pigliare con gente mai vista, maldisposta e indifferente.
E così intanto parlavo, mi preparavo alla presentazione del corso, mi presentavo, con il mio sorriso finto da persona che gestisce benissimo le situazioni, fingendo di parlare a un qualche microfono di cellulare che sennò magari da fuori pensavano che parlavo da sola, come in effetti era, e pensavo, come sempre capita all’inizio di qualche corso, che avevo sbagliato tutto, che dovevo cambiare lavoro, che dovevo partire, andare lontano, non tornare più in questo paese del cazzo, che tanto che ci facevo io qui, e che cavolo mi sono pensata di fare l’insegnante se l’unico mio desiderio è non dover parlare in pubblico, e che ero stra stufa di dovere farmi forza e penare, e pensavo, soprattutto,  che piuttosto che entrare in classe avrei mangiato una merda.
Superato il ponte, il castello di San Salvatore, lontano, perso e spaesato in mezzo alla nebbia delle colline. Che aveva di così insopportabile?  Mi sentivo così sola e persa che ho perfino pensato al  mio angelo custode. Dove diavolo era?
Poi ho immaginato questo grosso volatile improvvisamente seduto al mio fianco in macchina, con il testone biondo e i ricci da angelone, delle enormi ali un po' ripiegate, piume dappertutto, sotto il sedile, sui tappettini neri e svolazzanti per il cruscotto, e la tunica bianca stropicciata e un po’ sporca di polvere. Aveva un faccione pallido, il profilo greco, e assomigliava un po’a un promotore finanziario che conosco. Che cazzo, ho detto, perfino l’angelo custode, ormai.
Mi è venuto da ridere.
A quel punto ero arrivata a scuola e ormai mezza merda l'avevo mangiata. 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: