LA STANZA (si riparte)

C’è un bel silenzio in casa. Le cose al loro posto, quiete. Fuori il sole tramonta piano, arancione sulle pareti delle case in fondo al giardino. La luce si fa buio.

Amarti è farti entrare in una stanza in cui le pareti sono di rete leggera e luccicante, fili delicati, sottilissimi e traslucenti di ragnatela. Il pavimento è un ricamo lieve, intrecciato di trame luminose, antiche, complesse e fragili: camminarci, anche con passo leggero, ma incauto, può sfogliarle in frammenti di dispiacere, acuto come una scheggia nella pelle, senza fine e senza respiro come il momento del dolore. Intorno, un paesaggio di luce nitida, sospesa e stupita. Attenta.

Lo stesso passo, ma per chissà quale strada, io non lo so, ti giuro, è invece argento vivo di felicità.

Farmi del male è l’ultima cosa che vuoi, lo so. Che fare, allora? Non so.

C’è da fare. Sì, comunque.

Annunci

9 Risposte to “LA STANZA (si riparte)”

  1. siu Says:

    Sorpresa si aggiunge ad altra sorpresa… Doppiamente contenta di ri-leggerti, bentornata!

  2. mp Says:

    ma che bella immagine… una visione dell’amore e della sua unicità che solo la tua tastiera poteva immaginare :- )
    “C’è da fare”, dici… certo che c’è da fare: c’è da viverla fino in fondo, senza pensare a nient’altro che viverla fino in fondo: è come i bambini, sono molto più robusti e forti di quanto noi li pensiamo fragili e delicati… e il loro unico desiderio è crescere e vivere liberi come loro già sono, senza i nostri condizionamenti e il nostro passato che ci riversiamo sopra.
    Sei grande, dipok, gioisco con te!

    mp

  3. matilde Says:

    W Dipok!
    *

  4. s|a Says:

    Snoopy è invitato da Woodstock ad una festa, capodanno mi pare, ma non sembra sulle prime molto entusiasta di andarci, poi però pensa che magari incontrerà qualche cagnetta carina, già preso dal suo film personale comincia a camminare dimenticando che è sul tetto del suo canile e si impianta con la testa nella neve. La chiusa: solo a pensare all’amore ci si mette nei guai. Ma che fare, allora? Fait votre jeux…
    Bentornata.

    • dipocheparole Says:

      Grazie a tutti! Che bello rivedervi qui. Spero solo di avere un po’ di tempo e di testa per continuare a scrivere con una certa continuità e riprendere le nostre letture da lontano.
      Intanto, si, c’è da fare..:))
      a prestissimo
      Dipok

  5. trivigante Says:

    Oplà, bentornata.
    Si sentiva la tua mancanza, dalle mie parti.

  6. dipocheparole Says:

    ciao trivi:)) grazie.

  7. jgwolf Says:

    Beh, che dire… bentornata o semplicemente benvenuta…. insomma: è sempre un piacere leggerti

  8. dipock Says:

    ciao Wolf, bentrovato anche a te!:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: