CHIAVI DI RICERCA

Lo so, questo è un post che tutti scrivono prima o poi.
Succede quando uno installa nel suo blog un rilevatore di statistiche.
Qualcosa tipo quel ShinyStat che ho installato una decina di giorni fa e che, ogni giorno, mi dice quante persone sono passate per di qua, a che ora, quante pagine hanno letto, da dove sono collegate, con che sistema operativo, se digitano dalla camera da letto, dall’ufficio o dal soggiorno, se sono in ciabatte o in canottiera, in tacchi a spillo o in giacca e cravatta, cosa hanno mangiato a mezzogiorno e se avevano litigato con la moglie la sera prima.
I primi giorni ero completamente dipendente dal contatorino.
Un po’ come quando avevo messo il contachilometri sulla bicicletta e i primi giorni non facevo che far calcoli: quanti chilometri da casa all’ufficio, che media oraria, se conveniva di più il cavalcavia con la salita da centometrista con lingua fuori, o il giro lungo da mezzofondo per il sottopasso. E se ogni giorno invece cambiassi percorso, tanto per variare? Cosa mi conviene? Il giro per le Poste o la pistina ciclabile lungo il fiume? Tutto fino a quando finalmente si è scaricata la pila, i numeri sono svaniti, e io ho lasciato perdere le mie indagini.
Nel caso del nuovo contatore qui, invece, probabilmente le mie continue visite hanno sballato ogni statistica. Ogni dieci minuti ero lì a verificare quanta gente era passata e a che ora, e a tentare di fare collegamenti tra la posizione geografica, il sistema operativo e, magari, i commenti. Ovviamente non sono riuscita a collegare niente.
Poi ho cominciato a prendere gusto nel guardare le statistiche sull’orario preferito in cui la gente si collega (le due del pomeriggio) e il giorno (il lunedì), e nell’immaginare qualcuno che, dopo la pausa pranzo, prima di riprendere il lavoro, si fa un giro per i blog o chi invece, in mutande, si collega alle tre del mattino.
Poi sono passata a ragionare sulla provenienza, intesa come i siti da cui parte il link, e a chiedermi se non fosse il caso di mantenere migliori relazioni pubbliche, di lincare altri blog e scrivere commenti qua e là tanto per farmi pubblicità.
Ci ho pensato su un po’, poi ho capito che dopo due giorni mi sarei stancata di tutto questo attivismo e che avrei cominciato a trascurare questo e quello e a sentirmi in dovere di andare in visita, solo perché magari non mi ero fatta viva per un po’, e a scrivere commenti scemi, tanto per far vedere che c’ero.
Come quando mi costringo a fare certe telefonate, tanto per mantenere certi contatti, camminando avanti e indietro, con la faccia con il sorriso tirato, l’imbarazzo di star rompendo le scatole, e la voglia di chiudere la telefonata velocemente. Per carità! Non aggiungiamo ulteriori complicazioni.
 
Infine, sono passata allo stadio successivo, all’evoluzione della curiosità, e la mia attrattiva maggiore sono diventate le chiavi di ricerca: cosa cerca la gente su google per poi arrivare qui?
E lì, mi si è aperto un mondo.
Intanto ho calato le arie quando ho capito che tantissimi arrivano qui per caso, non per leggere i miei pizzini, e che mi credevo?, ma solo perché cercano notizie su Los Angeles, o Chicago, o Marsa Alam o su altri posti in giro per il mondo citati nei vari post. E allora ecco un fioccare di: il centro di Los Angeles, o Chicago e il lago, nomi autostrade los angeles, teatro degli oscar o Il centro di Los Angela (forse cercavi: Los Angeles, avrà detto Google). E poi un’infinità di elaborazione del lutto, che, mi spiace per il vostro, di lutto, ma qui rimanda solo ad un pizzino del dopo elezioni. E poi un sacco di gente che non sa come passare la giornata e chiede: cose da fare, cosa c’è da fare venerdì 13, cose da fare, che c’è oggi da fare, cosa fare a Torino, cosa fare a Chicago e 21 giugno cosa c’è da fare. Ragazzi, insomma, arrangiatevi. Poi ci sono cose misteriose tipo: palpebre cinquecento, qualcuno chiama dal mio cellulare, e pure un signore che cerca un: cazzo nero per mia moglie.
Ma la scoperta più interessante, è stata che la gente usa google un po’come una volta si usava quel librazzo conosciuto come I Ching. Mai avuta l’amica un po’newage che fa i tarocchi, legge gli oroscopi, sa gli ascendenti e ha il librone degli I Ching? Tutti ce l’hanno. E tutti, nel momento in cui non sapevamo più dove sbattere la testa, abbiamo avuto tra le mani il libro, pensato la domanda, chiuso gli occhi, aperto il librone, letto un po’ansiosamente il responso e avviato una serie di interpretazioni.
Bene, la moderna divinazione oggi passa per Google. Altro che I Ching, i tarocchi, Cassandra o la Pizia nell’antro oscuro di Delfi. In pausa pranzo, l’impiegata pensierosa torna alla scrivania, si siede svogliata, sorseggia il caffè della macchinetta, guarda fuori dalla finestra, sospira, finisce il caffè, apre la pagina di Google, sconsolata appoggia il mento su una mano e con l’altra, con il solo dito indice, digita sillabando silenziosamente: lo amo? (interrogativa). Oppure: io lo amo. (sicura di sé). O anche: io lo amo mentre lui mi usa. (triste ma consapevole). Io lo amo lui no. (tristissima). Lo amo.(verità) Lo amo e non lo sa. (soffro). Lo amo ma non lo sa. (avversativa timida). Non amo suo figlio.(c’è dietro un romanzo).
E il triste destino le rimanda tutte al link del mio pezzo di qualche giorno fa “Io lo amo”, dove tra l’altro la lei fa una brutta fine.
 
Mi rimane una curiosità impellente e irrimandabile che mi costringerà a scrivere fra qualche giorno un pezzo dal titolo “Io la amo”.
Poi vi saprò dire.
Annunci

18 Risposte to “CHIAVI DI RICERCA”

  1. anonimo Says:

    Tu mi vuoi diventare maschio. Pensi sia divertente?

    Rob

  2. anonimo Says:

    premetto che scrivo questo commento solo per fare vedere che ci sono e spingerti a visitare il mio blog.. eheheh :-))
    Non metterò mai quel contatore, andrei in fissa ben peggio di te e rischierei di vanificare i motivi per cui sono “sul web”, cioè di fare esattamente il contrario di quello che temi come conformismo: invece andare solo da chi mi piace e se e quando ne ho voglia, intrattenere relazioni stimolanti e appaganti, costruire nuove amicizie e imparare veramente qualcosa.
    Quindi, mi permetto di darti un consiglio non richiesto, lascia le paure di conformismo: quando passi da me sono contento e non penso mai che tu lo faccia per “dovere”, così come passare da te e salutarti è un piacere e un modo di dimostrare quanto mi piacciono le cose che scrivi!
    Internet è così, un insieme di nodi: ognuno rimanda a un altro nodo e questo è il senso dei link; non essere nodi in cui ci si ferma, ma sempre punti di partenza per altri giri e altre conoscenze 🙂
    ciaociao
    meditapartenze

  3. anonimo Says:

    Non avrei mai aperto un blog, poi il mio amico P. volle raccogliere dei profughi & reduci di altro forum mappazza decaduto e nacque il blog cartografi, onde per cui ora finisce che lo mando avanti quasi solo io, per evasione degli altri ribaldi consoci in loro blogghi,
    poi io essendo vecchio e laido è vergognoso che faccia tenutario di bloggo, purtuttavia mi rassegno con semizelo & voluptas dolendi (forse).
    Però ogni tanto vado a consultare il segretario, mr.Shiny, il cui registro mi dice che i più vengono sul sito cartografi cercandovi l’Antro di Trofonio; il che mi/ci onora assaissimo, poiché, come ogni asino sape, l’Antro di Trofonio è luogo ove si distillano sentenze sibilline & si hanno responsi fatali.
    Ecco.
    MarioB.
    eccociau!

  4. EligRapHix Says:

    Le tue chiavi di ricerca non sono male. Da me arrivano quelli che cercano notizie sulle tonsilliti e gli ascessi retrofaringei, sul nuereflex e sulla tachipirina …

  5. dipocheparole Says:

    @rob: mannò, penso che sia “divertente” come essere femmina.. E poi solo per vedere in quanti cercano su google “io la amo”. Secondo me nessuno, o pochi..

  6. dipocheparole Says:

    @mp: non penserei mai di te che giri per farti pubblicità. Mi sembri una delle persone più cordialmente, col cuore, cordiali di internet. In molti altri blogghettari che vedo in giro, non qui per fortuna, non sento la stessa spontanea socievolezza. E comunque stai sicuro che quando mi vedi da te è solo per piacere non per dovere:))

  7. dipocheparole Says:

    @caro mario:) sei tu la Pizia allora. Ti giuro che ancora non avevo capito chi caspita fossero tutti sti cf52188393 eccetera eccetera, e ancora non l’ho capito a dire il vero perché non c’ho coraggio di aprirli tutti. ma basta che ci sia tu a fare il laido tenutario!:))

  8. dipocheparole Says:

    @elig, si vede che parli spesso di medicine o che hai avuto spesso il raffreddore!:)

  9. cf05103025 Says:

    Cara Dip,
    i numeri dei cartografi non li misi io, prima si sembravano cosa strana,
    ora che li so a memoria, no,

    però uno di essi, ottima persona, purtroppo morì nel 2005,
    e leggere il suo numero nella colonna a sinistra me lo fa sentire vicino….
    Mario

  10. EligRapHix Says:

    No, non ne parlo spesso, ma è bastato farlo una volta un paio di anni fa e ora una buona parte delle visite che ricevo sono dovute a quello. Mi sento persino in colpa per tutti quelli che fanno la loro ricerca su google pensando di trovare qualcosa di utile per curare i propri figli e poi fanno a finire sul mio blog!

  11. cf05103025 Says:

    Ecco: sono andato di nuovo a guardare da Mr. Shiny, o cosa, ed ho visto che la parola vincente è: pesci.
    Da cui deduco che è azzeccatissimo, essendo io del cancro ch’è segno d’acqua.
    Bon.
    Mariociaunè

  12. anonimo Says:

    non avevo mai pensato di andare a vedere le chiavi di ricerca… ebbene l’ho fatto e… niente! Non ce n’è una che sia una nel mio contatore. Zero + zero uguale zero! Che vorrà dire? mi preoccupo? Perdo il sonno? comincio a drogarmi? boh…

  13. Aleramo Says:

    Oh mario… quante energie! Io non scappai per metter su casa da sola, ma solo non ce la facevo più a star dietro a tutto… ora ogni tanto scribacchio qualcosa, ma poco, veramente poco. Mio figlio adesso ha preso l’abuìitudine di dettarmi favole… prima o poi le posto! LaviniaAleramo

  14. dipocheparole Says:

    @elig: pensa quelli che vengono da me con le pene d’amore e si ritrovano in un noir!
    @Mario: pure io acqua. Ma, per l’appunto pesci e pure ascendente pesci.:)
    @Marino: cosa fai in giro a quest’ora tarda?? e dire che le chiavi di ricerca sono la cosa più divertente dei blog..:;)
    @lavinia: ehm.. mi sa che hai confuso i blog. comunque fa pure:))

  15. BANNY84 Says:

    ciao buon fine settimana

  16. effettopauli Says:

    Ti leggo lo stesso.

    Comunque a me questa cosa di Shinystat è sempre parsa molto, molto indiscreta. A me sembrerebbe di spiare la gente. E spiare la gente non è educato.

  17. nuccina1 Says:

    beh io ci sono arrivata passando da corridoio a corridoio, tutti lasciano le porte aperte dei loro ospiti cosi prima una sbirciatina di curiosità, poi magari mi trattiene la simpatia o l’ironia e mi par cosa giusta dire: guarda che ho dato un’occhiatina al tuo blog:mI spiace solo non aver bussato.

    ciao ciao

  18. dipocheparole Says:

    ma si sfiguri Nuccina! benvenuta;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: